venerdì 27 luglio 2007

Gustavo Selva

Inaugurando la "rubrica" cambiano bandiera, cominciamo da questo annuncio odierno:

Da La repubblica:
CDL: SELVA LASCIA AN E PASSA A FORZA ITALIA
Gustavo Selva lascia Alleanza Nazionale. E' lui stesso a comunicarlo in una nota, dove annuncia anche il suo passaggio a Forza Italia. "Con una lettera in data 26 luglio 2007 al Presidente Gianfranco Fini - scrive - ho notificato la mia uscita dal Partito di Alleanza Nazionale". Ieri la nota a Fini, ma spiega Selva "in data 18 luglio avevo comunicato questa mia intenzione al Presidente Matteoli". La rottura di Selva con il partito di Fini arriva dopo settimane di polemica per la questione dell'ambulanza, utilizzata dal senatore per raggiungere una trasmissione tv nel giorno della visita a Roma del presidente americano George Bush. "Ho indirizzato oggi una lettera al Presidente Marini per formalizzare il mio passaggio al Gruppo senatoriale di Forza Italia, dopo avere avuto il consenso del Presidente Renato Schifani", aggiunge Selva annunciando che in una conferenza stampa lunedi' 30 luglio illustrera' "le ragioni di queste decisioni".

3 commenti:

Stefano ha detto...

Questa e' una cosa che non ho mai digerito ... Se un parlamentare eletto con un partito, nel momento in cui non si riconosce piu' al suo interno, deve dimettersi e lasciare il posto vacante .. Non so come si possa realizzare, con un tecnico al suo posto, ma i salta poltrona non li ho mai digeriti ...
Quasi telepatia Irene ...
Ho aperto un blog anche io ...
Ti ho ovviamente aggiunto ...

Raffaele ha detto...

I "partiti politici" sono diventati "contenitori informi, eterogenei".
L'importante nn è come tu la possa pensare. L'importante è che sia rimasto dello spazio anke per te: infilatici dentro, a mò di tetris...Questo è il nuovo messaggio per fare politica.

Irene. ha detto...

Raffaele, hai ragione.
Proprio per contrastare questo effetto calderone che sono diventati i partiti, dove magari tu hai votato una persona perchè ti sembrava la più onesta e poi onvece la scopri affiancata (o superata in parlamento) da qualche ladrone ufficialmente dichiarato tale.... Proprio per questo è nato questo blog, un manuale, una guida all'uso che vorrebbe, con modi molto elementari e intuitivi, contribuire ad un elenco di quelli che io non voto. E se i motivi per "NON" dare il voto a qualcuno sono condivisi anche da voi tutti, potrete usare questa guida quando vi troverete a decidere a chi dare il vostro preziosissimo voto.